Login   

Login to your account

           POLIZZE ASSICURATIVE AIG                        GRATUITE PER GLI ISCRITTI

aig3

 

 

SCONTI PRESSO STRUTTURE SANITARIE CONVENZIONATE

insieme salute

INCONTRO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI E OPERATORI SINDACALI 
spot 2 3

 

 LE NOSTRE MANIFESTAZIONI

 

AUDIZIONE CSE-FLP ALLA CAMERA SULLA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

cefalo

 LA VERITA’ SU TFS, TFR, FONDI PENSIONISTICI....

pensionato2Leggici...

SPECIALE RICORSI ALLA CORTE EUROPEA PER I DIRITTI DELL'UOMO

vertenzeLeggici...

Siamo anche su

       

 

  IL CCNL DEL COMPARTO MINISTERI 

  copertina ccnlministeri

 

 

 

 

 

 

 IL CCNL DELCOMPARTO AGENZIE FISCALI

  copertina ag fiscali

 

 

 

 

 

 

 

 

Associazione Contribuenti
Italiani - Contribuenti.it 
Il nostro periodico

Notiziario FLP n. 04/16 - LEGGE DI STABILITÀ 2016: MODIFICHE ALLA LEGGE PINTO

giustizia lumaca

La Legge n. 89/2001 conosciuta come Legge Pinto, permette al cittadino di chiedere un risarcimento per i danni provocati dalla durata irragionevole del processo.

Attualmente, il debito della giustizia italiana, rappresentato dal costo degli indennizzi della Legge Pinto, ammonta a circa 400 milioni di euro.

La manovra finanziaria 2016, nel tentativo di ridurre tale costo, ha apportato delle modifiche alla Legge n. 89/2001, ovvero ha previsto:

a) una Istanza di accelerazione come condizione di procedibilità della domanda di equa riparazione, ovvero ha introdotto delle condizioni di procedibilità della domanda di riparazione del danno, previste a pena d’inammissibilità della stessa, per cui alla parte non basta più provare di aver subito un danno derivante dalla irragionevole durata del processo, ma deve necessariamente presentare prima l’istanza di accelerazione per poter poi richiedere e, quindi, ottenere l’indennizzo.

Nel ricorso per Cassazione il deposito dell’istanza di accelerazione va effettuato due mesi prima della scadenza dell’anno (che coincide con il termine ragionevole).

Nei giudizi penali, il deposito dell’istanza di accelerazione va effettuato sei mesi prima della scadenza del termine ragionevole.

 Nei giudizi civili, invece, basta introdurre il giudizio nelle forme del rito sommario di cognizione oppure formulare richiesta di passaggio al rito sommario entro l’udienza di trattazione e, comunque, almeno sei mesi prima che siano trascorsi tre anni in primo grado.

b) la quantificazione massima del danno, ovvero la riduzione della somma dell’indennizzo. A tal proposito, la Legge di stabilità ha ridotto la somma dell’indennizzo fino a massimo 800 euro (prima il massimale era di 1.500 euro) per ciascun anno, diminuita fino al 20 per cento laddove le parti del processo siano più di dieci.

Le predette modifiche apportate alla Legge Pinto, tuttavia, varranno solo per il futuro e non si applicheranno ai processi che superano i termini ragionevoli alla data del 31 ottobre 2016.

 

 

                                                        LA SEGRETERIA GENERALE FLP 

 

 "Scarica il notiziario in pdf" icona pdf